Divieti Brennero: Kompatscher, limitare i tir anche in Italia. Critiche da Conftrasporto

Divieti Brennero: Kompatscher, limitare i tir anche in Italia. Critiche da Conftrasporto



Il governatore altoatesino Arno Kompatscher appoggia le misure adottate dall’Austria nei confronti dei Tir in transito al Brennero. In un’intervista all’Ansa ha elencato una serie di misure per l’intero corridoio del Brennero: numero chiuso per i mezzi pesanti, di giorno e di notte, sistemi digitali di dosaggio agli ingressi autostradali, riduzione dinamica della velocità per i tir in caso di traffico intenso e, infine, il divieto di transito per i tir euro 0 fino a euro 3 tra Brennero e Affi.

“Da tempo il limite per l’A22 come infrastruttura, come anche per la popolazione, è stato raggiunto. Serve una rivoluzione”, ha detto Kompatscher, spiegando che i divieti introdotti dall’Austria per regolare e limitare il traffico pesante in Tirolo sono “un tentativo comprensibile per difendere gli interessi della popolazione locale, riducendo il traffico e l’inquinamento per migliorare la qualità di vita dei residenti lungo il corridoio”.
Il governatore altoatesino fa presente che il traffico pesante comunque continua a crescere, toccando al Brennero la soglia di 2,5 milioni di passaggi all’anno.

Dura la risposta del vicepresidente di Confcommercio e di Conftrasporto Paolo Uggè: “Vorrei ricordare al signor Kompatscher che l’impero austroungarico è finito da tempo e che l’Italia se n’è liberata iniziando con le 5 gloriose giornate di Milano”.

“Evidenzio – prosegue Uggè – che ora L’Austria fa parte della Comunità europea per scelta sua e che per entrare ha sottoscritto precisi impegni tra i quali rientra la libertà di circolazione. Negare che esista un problema di inquinamento sarebbe sciocco, così come è strumentale attribuirne la responsabilità ai tir e lasciare intendere che la ferrovia oggi possa risolvere il problema. Una scusa evidente per nascondere una azione di concorrenza sleale”.

“Il governo italiano deve agire con la dovuta determinazione. È ora di finirla con i soprusi. Abbiamo fiducia nel nostro ministro ai Trasporti, ma non a scatola chiusa”, conclude il vicepresidente di Confcommercio-Conftrasporto.



Sorgente notizia: http://www.trasporti-italia.com Vai al post originale

Avatar
staff
info@eolog.com


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.